Inserito da Alessandra Cenni di biologia

CONSIGLI SULLA ZECCA KILLER (parte 1)

 

La sa.fi allontanamento volatili milano e provinciaoggi ha trovato una notizia non piacevole ma che vuole comunque condividere con voi perché le informazioni non sono mai abbastanza.
In un articolo di Palermomania, testata giornalistica di Palermo, si parla di un povero pensionato di Canicattì che e’ deceduto a causa di una puntura di zecca.
Nell’articolo non viene indicato se si trattasse di zecca dura ( Ixodidae) comunemente presente nei cani o gatti o di zecca molle (Argasidae) comunemente presente nei piccioni.
Comunque sia, hanno dichiarato che il morso era di una di zecca.
“Si parla del Sig. Carmelo, un povero anziano di 66 anni, di Canicattì (Agrigento) che, dal racconto di alcuni suoi amici, iniziò ad accusare malessere e febbre che durò una settimana intera. Non andò dal medico ma si curò da solo con farmaci antinfluenzali.
Al peggiorare delle sue condizioni di salute lo portarono al pronto soccorso e li’, lo trattennero in reparto di rianimazione per un giorno intero, in osservazione.
Il giorno dopo purtroppo morì.
I medici diagnosticarono immediatamente che si trattava di punture di insetto perché il poverino aveva macchie cutanee e febbre alta; dichiararono che le punture erano di zecca“.

La maggior parte di queste malattie, se prese in tempo, alla fase iniziale, si risolvono senza problemi con una terapia antibiotica; negli anziani e nei bambini invece, anche se raramente, l’infezione potrebbe essere pericolosa per la vita.
Nel prossimo post vi spiegheremo, in breve, “come” le zecche potrebbero diventare nostre ospiti, la loro prevenzione, la loro rimozione e soprattutto cosa non fare.
Sarà molto interessante!


segue …
Tag:, , , ,

Profilo Autore

Alessandra

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by wp-copyrightpro.com

Contatto WhatsApp