Inserito da Alessandra Curiosità, Sistemi Allontanamento Volatili

ALLONTANAMENTO VOLATILI CON LA BENEDIZIONE DELLA LIPU

Qui di seguito abbiamo il piacere di condividere con voi il manuale/documento redatto dalla LIPU che detta le regole per affrontare un’infestazione di piccioni.

I sistemi di allontanamento piccioni da noi installati quotidianamente come il dissuasore piccioni, le reti per uccelli Milano, le barriere antintrusione per volatili, l’impianto elettrostatico Milano e l’inevitabile pulizia guano Milano sono dalla LIPU approvate e consigliate; altri sistemi di allontanamento volatili invece vengono vietati dalla LIPU perchè cruenti, illegali, onerosi e palliativi. Purtroppo se manca l’informazione l’utente rischia di spendere molto denaro e non risolvere il problema.

Condividiamo con piacere il decalogo della LIPU a tutela degli animali e della salute dell’uomo:

“Il nostro Documento si basa su tre messaggi basilari per una corretta gestione del piccione, da cui derivano le regole che vogliamo diffondere – afferma Fulvio Mamone Capria, presidente della Lipu – Il primo riguarda il comportamento dell’uomo, il secondo l’esigenza di una strategia integrata, che coinvolga operatori, cittadini e istituzioni, e il terzo la necessità specifica di ridurre i siti di nidificazione e il cibo a disposizione della specie, che non dà veri benefici ai piccioni e anzi, paradossalmente, può creare loro problemi. Solo così si possono ottenere buoni risultati e una gestione soddisfacente per tutti”.

Nel decalogo della Lipu, basato su evidenze scientifiche, studi e ricerche effettuate in più parti d’Italia e pareri internazionali, sono tante le tecniche corrette di gestione e le linee di intervento da attuare. Tra i metodi consigliati 1) laprogettazione architettonica consapevole, ossia la realizzazione di edifici che non incentivino la presenza e la nidificazione del piccione senza impedire l’accesso ad altre specie come rondoni, passeri, rapaci e pipistrelli; 2) l’utilizzo didissuasori di appoggioincruenti e adatti al particolare architettonico; 3) l’uso di reti antintrusioneper impedire l’accesso dei piccioni in balconi, capannoni, cortili, porticati e torri campanarie, fatto salvo il periodo riproduttivo e senza impedire ad altre specie (rondoni, passeri, codirossi e pipistrelli) l’accesso a tali aree; 4) lagestione dell’alimentazione,che stabilisca limiti alla somministrazione di cibo aggiuntivo e poco nutriente (come pane e pasta), considerato che il piccione trova già nelle città e nelle aree circostanti cibo in abbondanza, ma che anche migliori lo smaltimento dei rifiuti e l’igiene pubblica; 5)campagne di informazione e sensibilizzazioneverso pubblico e operatori, basati su dati etici, contenuti tecnici e scientifici; 6) l’incremento dei predatori naturali, tramite l’installazione di nidi artificiali per il falco pellegrino e l’allocco (rapaci presenti nelle città) o la taccola; 7) l’allestimento dicolombaie nei parchi urbani,gestite direttamente dai Comuni, che possano dare soddisfazione ai colombofili senza creare problemi alla città, permettendo anche il controllo sanitario; 8) l’effettuazione dicensimenti e monitoraggi,fondamentali per un’efficace strategia di gestione del piccione; 9) ilmiglioramento dell’igiene pubblicae 10) l’utilizzo, in ambiti diversi da quelli urbani, dideterrenti ottici e integrati, ad esempio negli aeroporti e per la prevenzione dei danni in agricoltura.

Tra i metodi non consigliati dalla Lipu, nel Documento compaiono le catture e gli abbattimenti, la cattura e il trasferimento di soggetti, la sterilizzazione chimica e la falconeria. “Quest’ultima, oltre che essere eticamente inaccettabile – spiega il presidente Lipu – si basa sul presupposto errato che la preda abbandoni l’area in presenza del predatore. Semmai, la preda si limita a nascondersi alla sua vista, per poi tornare a frequentare l’area e anche a nidificarvi, come dimostrano i nidi che il piccione ha realizzato in città anche nei pressi di quelli costruiti dal falco pellegrino”.

No agli allarmismi e alle false soluzioni, sì alle giuste tecniche e alla tolleranza ragionevole. E’ dunque questo il messaggio che viene dal Documento Lipu e la cura, scientificamente fondata e culturalmente positiva, per affrontare nel modo migliore la questione dei piccioni di città così come ogni conflitto relazionale tra l’uomo e la natura”.

Tag:, , , , , , ,

Profilo Autore

Alessandra

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by wp-copyrightpro.com

Contatto WhatsApp